Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Almanacco, XIV

Quattordicesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu.
27 ottobre 2012

Restiamo in tema cinematografico. È il 27 ottobre del 1927, 85 anni fa. Passa per la prima volta in sala un film poco famoso, “il cantante di jazz”. Cos’ha di particolare? È il primo film sonoro della storia (per la verità, trattandosi sostanzialmete di un musical, aggira un po’ il problema della perfetta sincronizzazione tra voce e movimento della bocca), e il cinema cambia per sempre. Ancora più del colore.

Infatti se ancora oggi potete gustarvi tranquillamente un film in bianco e nero, un film muto resta (tranne per i cultori del genere) ormai irrimediabilmente lontano dai nosti gusti.

Ora, da lì in poi si sprecano battute memorabili nelle pellicole, per cui possiamo arrivare alla domanda di oggi: qual è la battuta più bella?
E ok, visto che sono veramente tantitra cui scegliere, voglio essere buono. Cinque battute, cinque. Con calma, scegliete. Cinque. Se poi le motivate, siete dei ganzi.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

23 pensieri su “Almanacco, XIV

  1. Matteo "Smith" in ha detto:

    “Io non bevo mai… vino!”
    Battuta geniale, che vuole indicare il rimpianto del personaggio, Dracula, della convivialità nella vita mortale… la cosa fu abbozzata già nel film di Tod Browning ma fu solo Francis Ford Coppola che, riprendendo lo spirito di Stoker, ridiede quell’aura tragica che aleggiava intorno al principe Vlad, dove oscurità, Eros e Thanatos si fondevano in un personaggio destinato a entrare per sempre nella mitologia moderna.

    • Buon vecchio Smith, benvenuto nel Canneto!
      Non la ricordavo, questa. Ma sono sicuro che ne hai altre quattro! Almeno un paio… o lasci “Frankenstein Jr.” Nel dimenticatoio?

      • Matteo... "Smith" ma solo per Del in ha detto:

        Mi sfidi, allora, eccomi:
        “A: Potrebbe andare peggio…
        F: E come?
        A: Potrebbe piovere!”
        Da Frankenstein Junior… la genialità del menagramo domestico.

        ” Chi ha parlato? Chi cazzo ha parlato?! Chi è quel lurido stronzo comunista checca e pompinaro che ha firmato la sua condanna a morte? Ah, non è nessuno eh?! Sarà stata la fatina buona del cazzo! Vi ammazzo a forza di ginnastica, vi faccio venire i muscoli al buco del culo che ci potete succhiare il latte senza cannuccia!”
        Full Metal Jacket… ‘nuff said.

        “Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò”
        Il mantra contro la paura del Bene Gesserit, dal Dune di David Lynch… il libro è la Bibbia della SF, il film è un capolavoro assoluto… anche se sempre sottovalutato.

        “Grande guerriero? Guerra non fa nessuno grande.”
        L’insegnamento definitivo di Yoda ne L’Impero Colpisce Ancora… si può essere grandi eroi, salvatori, maestri ma guerrieri no… la guerra è sempre una sconfitta.

        Soddisfatto Del?!? 😉

      • Oh, questo sì che è un buon lavoro!

  2. “Hippy ya ye pezzo di merda!” John McClane in Trappola di Cristallo, indiscutibile.

    “C’è sempre un pesce più grosso” Qui Gon Jin, “Star Wars Episodio I”. Battuta che all’epoca trovai pessima ma che ho rivalutato moltissimo con il passare degli anni.

    “Louis, forse oggi noi inauguriamo una bella amicizia” Rick, in “Casablanca”. Fantastica.

    “Sono venuto qui stasera perché quando ti rendi conto che vuoi passare il resto della tua vita con una persona, vuoi che il resto della tua vita inizi il prima possibile.” Harry a Sally in “Harry ti presento Sally” Il top del romanticismo!

  3. Io sono una di quelle persone che mandano i film a memoria. Se sapessi la storia del giardino come so la saga dell’Alieno, credo che potrei insegnare alla Sorbona.
    Rompo sempre le scatole anticipando le battute, e a volte le copro, così chi sta vedendo il film con me si arrabbia terribilmente e mi impone un silenzio punitivo.

    Di una battuta non puoi motivarla, se non raramente, perchè credo che certe serie di parole abbiano a che fare con il nostro “humus culturale”, come lo definiva Tolkien, e difficilmente puoi spiegare con esattezza perché ti piace quella battuta.

    -Parto con quelle che ormai sono diventate nostro lessico familiare:”Ehi, fa un caldo d’inferno, qui!” “Sì, però è un caldo asciutto”. Il primo è Frost, il secondo Hudson, in “Aliens, scontro finale”.
    Quando da noi fa caldo, e di caldo ne fa, umido da spezzare le reni, e qualcuno si lamenta che fa caldo, io dico “Sì, però è un caldo asciutto!”. Ovviamente la gente strabuzza gli occhi, solo i miei familiari e gli amici “capiscono”.

    -Poi quella del tonno. Mio padre mi ha sempre ingiuriata per i miei gusti cinematografici, ma un giorno misi la parte finale di “Mio cugino Vincenzo”. Credo che quella cassetta (cassetta, avete letto bene) la consumammo. In pratica l’avevano mandato a memoria anche i miei genitori. “ed è stato allora che gli ha sparato?” “Al tonno?” è uno scambio di battute che ci facciamo sempre quando c’è tonno in tavola.
    A volte recitiamo brani interi del film, come tutta la tiritera sulla Buik Skylark e della Corvette.

    -Be’ e poi “Era buona la totta?”, da Jonny Stecchino, quando lo “zio” finge di avere il diabete e non piò mangiare la “totta” e chiede a Jonny se la “totta” fosse buona. Ce lo diciamo sempre quando siamo soddisfatti di un dolce, ma anche di una pietanza salata. Di “Jonny Stecchino” usiamo spesso anche “eeehhh, il traffico!”

    Queste sono quelle che condivido con la famiglia, ma ne ho molte preferite, alcune scritte nei quadernetti delle citazioni (alzi la mano chi non si è fatto un quadernetto delle citazioni). Moltissime di “Labyrinth, dove tutto è possibile”, film poco amato dal pubblico, considerato una delle peggiori interpretazioni di Bowie, ma un vero culto, cultissimo, per noi illustratori.

    dalla saga dell’Alieno ne potrei prendere tantissime. ma, per dire, stamane hanno mandato “Angoscia (gaslight)”, lo so anche quello a memoria, e ha dei dialoghi molto ben fatti e delle battute memorabili. Prese infatti diversi Oscar (Ehi, qualcuno ha notato che a doppiare il cattivo Gregory Anton è la voce del capitano Kirk?).

    E poi ci sono splendite battute, che vengono poco ricordate perchè frammiste a dialoghi o a monologhi.

    insomma, non mi sento di isolarne solo cinque.

    • Io ballo da sola in ha detto:

      “Perché insomma lo scopo dell’ordigno “Fine di mondo” è perduto se si tiene segreto. Perché non l’avete detto al mondo, eh?” (Il dottor Stranamore)

      “Sono il signor Wolf, risolvo problemi.” (Pulp Fiction)

      “Ricordati che devi morire!” “Sì sì , mo’ me lo segno” (Non ci resta che piangere)

      “La verità è che… io sono Iron Man” (Iron Man)

      “Sai tutte le volte che ti ho chiamato sporco ebreo? Non dicevo sul serio, non sei ebreo.” (South Park il film)

    • In effetti oltre alle citazioni belle “stand alone” ci sono quelle condivise in un gruppo, che diventano, come dire, dei “cellar door” all’interno di un gruppo…

      Nel nostro gruppo, per esempio, c’è “Bravo Emiliano!”, da Trinità, utilizzato ogni volta che devi dire a uno che è stato bravo a fare una cosa (che però gli avevi praticamente imposto). Poi c’è il blocco guerre stellari, inutile sceglierne una, o “Cazzuto, stupido ma cazzuto”, da quel denso melange di citazioni che è il pressoché ignorato “True lies”, con lo zio Schwarzie.

      • Matteo... "Smith" ma solo per Del in ha detto:

        Sempre con Schwarzie segnalerei anche “Last Action Hero”… più citazione di quello… aggiungici pure la colonna sonora dei Queensryche e ecco sfornato un prodotto appetibile per qualsiasi nerd sulla faccia della terra! ^_^

  4. E se ne buttassi lì qualcuna anch’io?

    “Questa foresta ha occhi. Lo giuro.” Robin Hood principe dei ladri. Non ho idea del perché questa frase mi piaccia così tanto. Tant’è.

    “Sei la canticchiante e danzante merda del mondo”. Sublime sintesi di un film straordinario tratto da un romanzo colossale.

    “Sono tutti perfetti”. In punto di morte Katsumoto realizza che ha avuto tutta la vita sotto gli occhi il fiore di ciliegio perfetto. Guerra e zen in “L’ultimo samurai”.

    “Qual è il parassita più resistente?”. Inizia così un’atipica definizione di idea, che tiene in piedi l’opera d’arte di Nolan, Inception.

    E poi il blocco finale di Grosso guaio a Chinatown, una sequenza magnifica. Ogni frase sarebbe la perfetta conclusione del film, e invece nessuna di queste lo è.
    Ne cito una, per obbligo di scelta:
    “Abbiamo fatto tremare le colonne del cielo”
    “Puoi dirlo forte”
    “Sì, lo dico forte”.

  5. Topus in ha detto:

    Visto che il buon Matteo “Smith” ha citato Last Action Hero, non perdo l’occasione per segnalare la strepitosa battuta di Schwarzenegger: “Dicono che hai ucciso Mozart” “Mo chi?” “Zart” detta all’attore che ha impersonato Salieri in Amadeus (oltre al mitico Amleto immaginario con Schwarzy come protagonista).
    Quanto agli Aliens citati da Lidia ricordo con piacere soprattutto il secondo (scontro finale) con perle del tipo “Escono dalle fottute pareti” e “Hey Vasquez ti hanno mai scambiata per un uomo?” “No, e a te?”.
    Veramente difficile scegliere 5 citazioni, già solo da Indiana Jones ne pescherei a dozzine, ma tant’è, proviamo con un elenco (cercherò di essere il più misto possibile).

    1) “Ne ho viste di cose che voi umani [cut] bastioni di Orione [cut] lacrime nella pioggia” conosciutissima, tasso lirico a mille, da Blade Runner.
    2) “Oh, ha ancora paura del cane, gliel’ho detto è tranquillo, l’ho fatto anche castrare” “Ma signora io il cane non ho mica paura che mi inculi eh, ho paura che mi morda” Pozzetto da Grandi Magazzini, la miglior battuta comica di tutti i tempi.
    3) “Il mondo si divide in due categorie, chi ha la pistola carica e chi scava. Tu scavi” il buono, il brutto e il cattivo, altro concentrato di frasi brevi e incarognite (tipo “quando si spara si spara, non si parla”)
    4) “Voi gringos siete dei bastardi, volete le nostre donne, e se qualcuno vi da una coltellata ve la prendete” dal titanico Trinità, troppo denso di citazioni per non menzionarne almeno una.
    5) “Quelli come voi, che marciano al passo dell’oca, dovrebbero leggerli i libri, invece di bruciarli” Indiana Jones e l’ultima crociata (dovevo sceglierne una, ma ci sarebbe “Ah, il serpente a sorpresa” o “Adios imbecille” o “Quell’oggetto dovrebbe stare in un museo” e mille altre citazioni).

    Boh, però ne scriverei altre mille…

    • Sempre in grandi magazzini c’è anche “ho scoperto che mi piace il pesce”…
      e poi ne stiamo lasciando indietro di magnifiche…

      • Topus in ha detto:

        “Devi avere un carattere dolcissimo”
        “Mica tanto, quando mi girano le palle divento una bestia”
        “Come ti chiami’
        “Fausto!”
        😀

  6. “Dodge this”, Matrix.
    La metto in inglese perchè rende di più

    Le altre 4 che sceglierei sono state già proposte dagli altri, quindi ne aggiungo qualcuna che mi è piaciuta, sempre per memoria popolare:

    “Vivo o morto tu verrai con me”, Robocop.

    “Ezechiele 25.17: il cammino dell’ uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquita’ degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi.
    Benedetto sia colui che nel nome della carita’ e della buona volonta’ conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perchè egli è in verita’ il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti.
    E la mia giustizia calera’ sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando faro’ calare la mia vendetta sopra di te. “, Pulp fiction

    “Venimmo, Vedemmo e lo inculammo”, Ghostbusters.

    “Mi ha smerdato”, Ghostbusters.

    “Gelatoooo”, i Goonies.

    Lascio fuori i film “Last Action Hero” e “L’ultimo Boyscout” che sono pieni di frasi da citare, che sennò diventa lunga 🙂

  7. ne dimenticavo una che cito spesso: “Naturalmente è una congiura…” “Cosa?” “Tutto”.
    Film “la mosca”

  8. Che idiota, scusate. Il film è “Terrore dallo spazio profondo” e il dialogo è tra Donald Shuterland e Jeff Goldblum, che ha interpretato, appunto, “La mosca”, molto prima dei parchi giurassici .
    Di quel film mi piace molto anche quando il personaggio interpretato da Leonard Nimoy invita il dottore ad affacciarsi alla finestra e a guardare la nuova civiltà. Battuta e simboli che rivedo in “Matrix” quando Smith dice a Morpheus: “Avete fatto il vostro tempo”.
    Be’ scusate per la confusione, comunque!

  9. Oddiamine, dimenticavo il “credo di Freccia”, da Radiofreccia.
    La mia compagna anni fa mi fece vedere questo film, e per quanto un poco prevenuto (non sono un fan dell’italica cinematografia degli ultimi decenni) devo dire che lo apprezzai assai. In particolare alcuni passi del cosiddetto “credo di Freccia”.

  10. 1)Io sono tuo padre. L’impero colpisce ancora
    2)E adesso una questione di etichetta, passando ti do il pacco o il culo? Fight club
    3)Forse non ho ripetuto ogni singola sillaba, ma grosso modo ho detto tutto… L’Armata delle Tenebre
    4)Ehi tu porco, levale le mani di dosso! Ritorno al Futuro
    e per finire, La Citazione
    5)”Conan, qual è il meglio della vita? ”
    “Schiacciare i nemici, inseguirli mentre fuggono, e ascoltare i lamenti delle femmine!”

  11. Topus in ha detto:

    Non so perchè ma le citazioni di Tala mi hanno portato alla mente (senza alcun motivo) “Sei solo chiacchiere e distintivo” detta da De Niro a Kevin Costner in “Gli Intoccabili”.
    E aggiungerei, sulla scia della mafia italoamericana:
    “Buffo come? Buffo come un pagliaccio, te diverto?” Joe Pesci in “Quei bravi ragazzi” una scena in cui il terrore è veicolato in modo magistrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: