Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Almanacco, LXIX

Sessantanovesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
5 marzo 2013

Salto indietro al 1876, oggi, sfogliando i polverosi almanacchi conservati nel Canneto di Eridu. Quel giorno, la bellezza di 136 anni fa, nasce il Corriere della Sera, probabilmente il più importante quotidiano italiano.

E la domanda, semplicissima, veloe, diretta di oggi è: che giornale leggete? Preferite il giornale cartaceo o le edizioni elettroniche? O addirittura testate solo online? E che ne pensate del discorso del finanziamento pubblico per i giornali?

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

10 pensieri su “Almanacco, LXIX

  1. Luca in ha detto:

    Di cartaceo al limite sfoglio l’orrida Provincia dei miei la domenica o al limite qualche articolo delle rubrice culturali di Repubblica che arrivano da casa dei suoceri. Per il resto tutto in formato elettronico (Corriere, La Stampa e – in tono decisamente molto minore – Repubblica) o esclusivamente online (Lettera 43 e Huffington Post).

    Quanto al finanziamento pubblico ai giornali, sono per la più completa abolizione, soprattutto per gli house organ di partito: si finanzino con la pubblicità. IMHO in fin dei conti il giornale cartaceo è sempre più destinato a sparire, tra canali all news, internet e versioni (più economiche) per tablet la concorrenza è spietata…
    certo dovrò trovare metodi alternativi per imbottire i pacchi postali, ma tant’è…

    • I giornali sono ottimi anche per pulire gli specchi…

      Comunque sono anch’io per l’abolizione del finanziamento pubblico, così a orecchio, ma vorrei capirci qualcosa in più…

  2. Andrea Zaini in ha detto:

    Domanda veloce, risposta veloce
    Leggo pochissimo cartaceo per mancanza di tempo, quindi vado online prevalentemente su Repubblica e Il Fatto (così come per il cartaceo quando capita)
    Un giornale solo non si può (bisognerebbe) leggere, perché le distorsioni sono sempre dietro l’angolo, vedi il caso dell’intervista a Grillo sul giornale tedesco Focus riportata “a modo loro” su repubblica : http://www.giornalettismo.com/archives/806359/beppe-grillo-e-il-giallo-dellintervista-a-focus/

    Finanzimento pubblico da eliminare assolutamente ! Il Fatto ci riesce, perché gli altri no pur avendo moooolta più pubblicità !

  3. leggo il Post, che è online. abolirei il fidanzamento pubblico coi partiti. per il resto dispiace che questa forma di comunicazione scompaia, ma probabilmente come tutte le altre troverà la sua nicchia

  4. Mauro in ha detto:

    Il Corriere, lo leggo soprattutto on line e lo compro cartaceo per non sentirmi un ladro, favorevole all’abolizione del finanziamento pubblico (ma io lo sono di principio in quanto credo che mai fondi pubblici debbano essere usati come forme di contributi ad iniziative imprenditoriali che stanno sui mercati privati) . Quando capita leggo Repubblica e/o Provincia.
    Riguardo ai giornali credo che sopravviverranno (on line ovviamente) solo se il mercato capirà la differenza tra una informazione qualificata e una non qualificata, la prima è fondamentale per garantire la libertà d’informazione, la seconda per garantire la libertà d’espressione, sono due libertà tra loro complementari ma ad entrambe serve l’altra.

  5. sarah in ha detto:

    La Stampa!talvolta Repubblica e NIce Matin! adoro il cartaceo!!! Mauro lo sa! contraria ai finanziamenti pubblici ai giornali!

Rispondi a Andrea Zaini Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: