Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Almanacco, LXXIV

Settantaquattresima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
22 marzo 2013

Oggi la “professione” che va per la maggiore è il comunicatore. Vuoi essere veramente cool? Devi essere il responsabile della comunicazione di qualcosa. Qualsiasi cosa. Certo, ci sono delle differenze: di un’industria può andare bene, ma è molto meglio se ti occupi di comunicazione digitale, di social network, anche di stampa, al limite. Il massimo della libidine è essere il responsabile della comunicazione di un partito, un cosiddetto “guru”. E così senti parlare del guru che ha curato la campagna elettorale di Obama (e poi di Monti, con risultati non proprio simili). O del guru che tiene in piedi il blog di Grillo. O dei guru che preparano i ribelli dei movimenti rivoluzionari (ricordate il movimento arancione dell’Ucraina? bene, era tutto organizzato da questi guru dal punto di vista mediatico, persino l’idea dei fazzoletti arancioni).

Ebbene, oggi, risalendo a ritroso fino all’oggi del 1457, incontriamo un evento che può dirsi fondativo per la comunicazione come noi la conosciamo, la comunicazione di massa attraverso mezzi meccanici/elettronici. Si tratta infatti della data nella quale venne ultimata la realizzazione del primo libro a stampa con caratteri mobili, la Bibbia di Johann Gutenberg.

E ora, immaginate di essere un plenipotenziario bibliotecario incaricato da un misterioso collezionista di mettere in piedi una biblioteca epocale, degna erede della Biblioteca di Alessandria, e di avere a disposizione cifre decisamente importanti. Indicate qualche volume che ci vorreste mettere a qualsiasi costo (mi va bene tutto, da prime edizioni a stampa a caratteri mobili a manoscritti, da codici miniati a papiri e tavolette cuneiformi).

Navigazione ad articolo singolo

17 pensieri su “Almanacco, LXXIV

  1. “The Negative” di Ansel Adams, la “Bibbia” della fotografia.

  2. davide in ha detto:

    “Sull’origine delle specie per mezzo della selezione naturale” (Charles Robert Darwin, VI Edizione, 1872)

  3. Topus in ha detto:

    Esisterebbe già la colossale Biblioteca del Congresso a Washington, che archivia praticamente tutte le uscite (comprese le merde).
    Comunque mi pare di capire che ti riferisci a testi antichi, dunque non sarebbe male riunire tutti i manoscritti di Leonardo in un’unica biblioteca. Anzi, recuperare pure tutti i testi che facevano parte della biblioteca di Leonardo, il cui elenco potete trovare su wikipedia:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Leonardo_da_Vinci#La_biblioteca_di_Leonardo

    E poi i rotoli di Qumran. E l’Epopea di Gilgamesh, in tutte le possibili redazioni. E il trattato d Qadesh. E un sacco di altre cose.

    • Non solo testi antichi, a dire il vero. Ad esempio sarebbe interessante avere un bel corpus di appunti di Tolkien usati per creare le lingue elfiche. Oppure la rivista con il primo racconto pubblicato da Robert Howard. O, perché no, la prima edizione ciclostilata di D&D, autografata da Gygax e Arneson. Magari sporca di burro di arachidi, a testimoniarne la vita ruolistica vissuta.

      Certo, i testi che hai citato renderebbero la biblioteca del Canneto uno dei musei più visitati e assicurati al mondo ^_^

  4. Ehm. Un impianto antincendio, grazie. Poi magari penso ai libri

    • Ma quale impianto antincendio. Nel canneto di Eridu ci pensano le divinità ad evitare i problemi. Chi sono io per mettere un tubo di gomma pretendendo che sia più efficace del Padre Enki, dio dell’acqua, che ha sede proprio a Eridu?!

      Ah, i commenti fuori luogo… 😛

  5. sarah in ha detto:

    vediamo..il LIbro delle Ore degli Sforza, la Divina Commedia illustrata dal Dorè(votato anche dalla mia amica che è passata atrovarmi in studio)rigorosamente prima edizione,il LIbro dei morti di Torino, il LIbro di latta testo futurista di Marinetti più che altro perchè è molto originale un libro stampato sulla latta…etcetc…

    • Cos’è il libro dei morti di Torino?
      Quello egizio?

      • sarah in ha detto:

        si quello del museo egizio di Torino!! in una biblioteca ideale metterei anche la Bibbia di Borso d’Este, i testi religiosi prodotti in Etiopia, Le vite del Vasari ( prima edizione),i manoscritti e le prime edizioni degli studi di Galileo Galilei… =) a te e a tutti i lettori del tuo blog auguri di buona Pasqua

      • grazie degli auguri, contraccambio, a nome mio, di Fiore e dei cannetonauti tutti

  6. fabio foggetti in ha detto:

    La mappatura completa del nostro DNA.

  7. Mauro in ha detto:

    Il necronomicon…quale miglior testo può spiegare il potere della comunicazione di massa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: