Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Almanacco, LXXVIII

Settantottesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
5 aprile 2013

Ventuno anni fa iniziava il più lungo (e uno dei più atroci) assedio della storia moderna.
L’assedio di Sarajevo, ad opera delle truppe jugoslave (sostanzialmente serbe) a seguito della dichiarazione unilaterale di indipendenza della Bosnia Erzegovina. Un assedio durato formalmente fino al 29 febbraio 1996 e i cui effetti si protraggono nel presente, e nel futuro, fino a chissà quando.

Un assedio, soprattutto, che ha trasformato un ponte in un fossato. Una grande città di incontro (una delle poche al mondo che nello spazio di poche centinaia di metri, nel centro storico, vanta sinagoghe, cattedrale e altre chiese cattoliche, chiese ortodosse, moschee ottomane) di popoli, di culture, di religioni, il crocevia tra occidente e oriente, diventa così il luogo dello scontro, il paese della follia dove mille divisioni sorgono, e dove il vicino si arma contro il vicino, e tutto è genocidio. Dove l’umanità, intesa come concetto, muore.

Il primo almanacco, lo scorso anno, vi ho chiesto un fiore per la Siria. Ora vi chiedo un pensiero per Sarajevo. Un pensiero legato a qualcosa che ha fatto fare passi avanti a società multietniche, qualche progresso nella storia, qualche città, qualche momento in cui l’unione di più popoli ha fatto progredire la civiltà. E ognuno di questi pensieri sia un mattone, e ogni mattone serva per ricostruire il ponte, quel ponte tra europa occidentale e orientale, tra cattolici e ortodossi, tra europa e asia, tra cristiani, ebrei e musulmani, un ponte tra le genti.

Parto io, con la prima città multietnica di cui si abbia conoscenza storica: Eridu. Con l’unione delle culture dei pescatori del golfo persico, degli agricoltori della cultura di Samara, e dei nomadi del deserto, nacque la civiltà sumerica, la prima di cui abbiamo notizia su questo pianeta.

Navigazione ad articolo singolo

7 pensieri su “Almanacco, LXXVIII

  1. Luca in ha detto:

    Banalmente, l’abolizione dell’apartheid in Sud Africa.

    Oppure il decesso di Bossi e Borghezio, però questi sono ancora in divenire…

  2. sarah in ha detto:

    la Glasnost e la caduta del muro di Berlino che hanno segnato un riavvicinamento tra est ed ovest dell’Europa!

  3. Pensando a Sarajevo, mi viene in mente la Haggadada di Pesah, uno straordinario documento ebraico che, secondo me, simboleggia anche l’amicizia possibile fra musulmani ed ebrei, visto che fu un musulmano a preservarla dalla distruzione. La storia, in sintesi, è raccontata qui: http://www.benevolencija.eu.org/content/view/123/28/

    • Grazie per il contributo, non ne sapevo nulla. Tra l’altro è adatta anche per l’almanacco del libro da salvare nella grande biblioteca del canneto, di qualche tempo fa!

  4. Topus in ha detto:

    Il mio pensiero va alla linguistica, lo studio della lingua, delle etimologie, delle stratificazioni di popoli che emergono dall’analisi. La meraviglia di constatare che, nelle parole che usiamo, riecheggiano le voci di antichi popoli venuti dai quattro angoli del regno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: