Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Archivio per il tag “bohemian rhapsody”

Almanacco, XXXI

Trentunesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu.
21 novembre 2012

Il 21 di novembre sta per finire, ma sono ancora in tempo, pur sul filo di lana, per buttare in circolo sulla rete un almanacco.

Già, perché ieri sera sono andato con la mia compagna Fiore, e un amico, il Mucco, al cinema, a godermi un sontuoso concerto (sì, questa moda dei concerti storici riproposti al cinema non mi dispiace, a gennaio andrò a vedere i Doors): il live at Budapest del 1986 dei Queen, uno dei primo (o proprio il primo) concerti di una rock band occidentale oltre-cortina. E sentire cantare I want to break free da 80.000 ungheresi – che solo trent’anni pima avevano avuto i carrarmati sovietici per strada – mi ha fatto un certo effetto.

E oggi è il 21 di novembre, e si celebra il 37° anniversario di uno dei dischi più epici dei Queen, quell’A night at the opera che contiene anche Bohemian Rhapsody, una delle canzoni più geniali di sempre. Quindi, che dire, Freddie, non so se puoi sentirci, ma di sicuro possiamo ancora sentirti noi, e porcavacca se è un gran bel sentire!

E ora la domanda. E siccome mi ero dimenticato di scriverla e l’ho aggiunta post pubblicazione, faccio ammenda dei peccati della mia memoria porca e laida e dando il buon esempio rispondo io per primo. Visto che spesso la musica resta legata a dei momenti e a dei ricordi, avete qualche particolare ricordo legato ai Queen?
Il mio ricordo risale a quando da piccoletto andai coi miei alla Fier di Milano – Grafitalia, e c’era allo stand della Man Roland una macchina da stampa lunga dieci metriche andava al ritmo di A kind of magic.

Annunci

Almanacco, XVII

Diciassettesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu.
31 ottobre 2012

Ecco, sono qua che espleto le prime funzioni vitali della giornata, e la serata ludica di ieri sera e una notte scarsamente proficua dal punto di vista ristorativo mi rendono scarsamente consapevole persino dell’esistenza del pianeta.
In questo stato di semi-coscienza, tipo protozoo, scivolo verso un nuovo sonno.

Ma dal mondo degli umani una voce viene a pescarmi, e ritorno in condizione di veglia. E poi delle note. E che note: una dolce sinfonia!
Bohemian Rhapsody. 1975, 31 ottobre. Buongiorno anche a te, Freddie.

Bo-rhap, come la chiamano i queenomani, oltre a compiere gli anni oggi ha un’altra caratteristica: è una delle mie “canzoni prime”, era infatti sulla prima cassetta che mi copiarono. Le fanno compagnia, per esempio, Hey you e Time dei Pink Floyd (rispettivamente sulla prima cassetta regalatami insieme al walkman e sul primo cd arrivato insieme allo stereo). O Supersonic degli Oasis, presente sul primo album comprato alla cieca senza consigli di nessuno ma per aver sentito una canzone su MTV, oppure Self esteem degli Offspring, canzone simbolo del primo concerto visto, o Livin’ ain’t no crime degli Helloween, prima canzone metal amata. Ma anche A passion play #8 dei Jethro Tull, prima canzone che nessuno dei miei amici conosceva e alla quale ho procurato di mia iniziativa grandi estimatori. E Walk of life dei Dire Straits e Knockin’ on heaven’s door dei Guns, presenti sulle prime cassette regalatemi da amici.

Bene. Arriviamo al dunque, cioè a voi. Quali sono le vostre canzoni prime?

Navigazione articolo