Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Archivio per il tag “crisi”

#15. Prospettiva.

“Dopo l’istante magico in cui i miei occhi si sono aperti nel mare, non mi è stato più possibile vedere, pensare, vivere come prima.”
Jacques-Yves Cousteau

“… un certo modo di scalare che non è sport, è un’altra cosa. È una filosofia, sono valori, è un pensare a tutto”
Reinhold Messner

Adoro il mare, e adoro la montagna. Non solo perché per me, incallito abitante della pianura padana, sono sempre stati sinonimo di vacanza. E non solo per saraghi e caprioli.

Amo il mare. Non le sale giochi, le sdraio, la gente in costume, i tuffi, la coca-cola ghiacciata o le biglie che corrono sulla sabbia. Amo il mare, proprio lui, amo fissare a lungo quel blu illimitato. Calmo o in tempesta, al mio occhio il mare è come una finestra sull’infinito, un contrasto stridente con la finitezza umana: travalica il limite insito nella nostra condizione.
E va rispettato, perché è pericoloso: non puoi trattarlo da pari, ti ci devi avvicinare con prudenza. Di più: con riverenza.
Il mare è un piano blu. Le onde disegnano mille ostacoli, mille valichi, mille traiettorie. E mille volte mille sono le rotte che si possono disegnare. Alzare gli occhi, guardare l’orizzonte: un gesto non banale, per chi è abituato a vivere la città. Un esercizio quasi pesante per la mente, che si affatica a comprendere la vastità degli spazi e delle prospettive.
E nel rumore delle onde, il suono primigenio della vita, la voce dei primi organismi, l’uovo da cui tutti proveniamo.
Slanci verso l’infinito spaziale, echi dall’infinito temporale. Prospettive.

Amo la montagna. Non intendo le piste da sci o gli eventi mondani dei “posti da vips” con tanto di Casino, e neppure i “posti da shopping” ai piedi dei monti oltrefrontiera. No.
Amo salire. Cercare il sentiero, calpestare aghi di pino o roccia, uscire dal bosco. E vedere man mano l’ambiente che cambia intorno a me, il mondo che si schiude diventando cielo, le pareti di roccia che si aprono rivelando paesaggi nuovi dopo ogni curva. Le prospettive ingannano, a volte, ma quando le sai padroneggiare sai anche porti un traguardo e raggiungerlo.
E quando superi una salita e ti si apre un altipiano cintato di vette, e sai che dovrai passare quelle vette per arrivare a un nuovo altipiano, non riesci a pensare ad altro che a tutta la bellezza che hai davanti, al mare verde orizzontale che ti riempie gli occhi, e a quello bianco verticale che lo segue, nelle lingue del ghiacciaio che lambiscono i laghi.
Verde, e poi grigio, e poi bianco, e poi solo il cielo. Prospettive.

Perdersi guardando le immensità del mare, o le alpi da un rifugio. Ecco un esercizio che dovrebbe essere obbligatorio, di tanto in tanto, per la gente di città.
E a maggior ragione per i politici. Una settimana di mare e una di montagna, ogni anno. Ma non in mare su uno yacht da dodici metri con due puttanoni in costume leopardato. Mare ascetico, in un faro, o semplicemente sugli scogli, a guardare e riflettere.
E montagna, a faticare e arrancare sulle salite, per guadagnare la cima.

Perché i nostri politici, e con nostri non intendo solo italiani, perché è una triste condizione diffusa, mancano di prospettiva, e hanno bisogno di ritrovarla.
Mancano della capacità di guardare lontano, e si fermano alle prossime elezioni. Si fermano al negozio all’angolo. Guardano solo il truogolo, come i maiali. E invece devono imparare a spaziare con lo sguardo in lontananza, come guardando il mare. E capire che le distanze sono importanti. E guardare verso l’alto, verso la vetta, l’obiettivo, e imparare a cercare strade per raggiungerlo.

Perché ho davvero tanto la sensazione che in questa crisi non sappiano che accidenti fare, e proseguano di giorno in giorno mettendo un cerotto qua e uno là. Convinto di aver fatto un passo avanti raggiungendo un punto che regolarmete i mercati hanno superato da giorni. E tengono fermi punti granitici che sono capisaldi solo nelle loro menti ottuse.

Ed ho davvero la sensazione che questa Europa l’abbiano ereditata da gente che le prospettive le vedeva eccome, ma loro non sanno che farci. Non hanno deciso dove portarla eppure ogni giorno camminano a cazzo, come chi va in montagna senza mappa e senza conoscere il posto, e rischia la vita a ogni pie’ sospinto (la sua e quella di chi dovrà soccorrerlo).

E ho la sensazione che anche tutta questa antipolitica serva solo a dirci che i politici sono cazzoni (come fosse difficile da intuire), ma nelle proposte, pur spesso sagge nella loro banalità, manca sempre la prospettiva, quella che permette di segnare un punto lontano, e trovare rotte o sentieri per raggiungerlo.

Annunci

#14. Catastrofe.

Morire non è una catastrofe, la catastrofe risiede nel dover dormire affamato.
[Proverbio etiope]

Si sa che i nostri amati mezzi di informazione tradizionali hanno la catastrofe in bocca. È talmente sotto gli occhi di tutti che ripeterlo getta tutto il blog nella banalità, ma ormai una settimana di pioggia è una catastrofe, un giorno a 30 gradi e si passa ad allarme-caldo.
D’altra parte devono pur vendere per campare, direte voi. Il fatto è che, se continuano ad alzare l’asticella, tra un po’ diventeranno catastrofe anche i miei calzini dopo il calcetto, dico io. E forse lo direbbe anche la mia compagna. Ma questo è un altro discorso.

Il problema (dell’informazione catastrofica, non dei miei calzini) risiede proprio nel vendere per campare. La notizia non è un servizio reso alla comunità, ma una merce, e come tale deve essere “venduta”, sottostare alle leggi del mercato, e produrre un utile, tanto più consistente quanto più è elevato il numero di persone che ne fruisce.
Una notizia è quindi madida di interesse economico. E un interesse economico si traduce giocoforza in un interesse politico. Per cui se da un lato i mezzi di informazione vivono nella meno liberista delle situazioni, per cui devono passare le notizie di politica esattamente nel modo in cui vengono gradite dal loro editore – spesso politico – dall’altro per attirare compratori/inserzionisti pubblicitari devono tenere ben alta la soglia della paura, che fa sempre vendere, devono tenere la gente in ansia (che fa crescere l’attesa per altre notizie), senza che questa cosa degeneri, producendo distacco. È un po’ lo stesso principio dei film de paura, per cui la tensione deve essere sempre elevata, ma non troppo, per non scollare lo spettatore per la troppa tensione.

A seguito di questo modo di fare informazione, negli ultimi anni paure latenti sono state ad arte rinfocolate e riesumate, come la sicurezza in periodi in cui calava il numero dei reati, o il rincaro delle zucchine che influivano in maniera irrilevante sul paniere ISTAT, o l’invasione di tipo biblico di milioni di immigrati che si riduceva a una media di cinque arrivi per provincia. Hanno tenuto la gente impegnata in discussioni (e in intenzioni di voto), mentre paure più incombenti e reali venivano occultate, che tanto se ne occupavano loro.

Tra le paure “fomentate” ci sono ultimamente anche catastrofi personali, che sommate tutte insieme costruiscono una notevole catastrofe collettiva. Mi sto riferendo ai famosi suicidi degli imprenditori per la crisi. Pare infatti che i numeri non siano in aumento quanto vogliono far intendere certi mezzi di informazione. In questo caso, però, considerando che i piccoli imprenditori, gli artigiani, non hanno mai avuto una voce, e non hanno Confindustria o i Sindacati a battere i pugni per loro, tutto sommato questa ingerenza dei mezzi di comunicazione, per quanto probabilmente politicizzata perché fa comodo in questo momento, non è mal posta, e viene a sanare un vulnus realmente presente.

Comunque, in questo mare di catastrofi da operetta o da tragedia personale, raccontate dalle immagini patinate della tivvùggeneralista (come dicono gli azionisti Mediaset, intendendo tv della minchiata) però, negli ultimi anni ce ne sono state anche alcune gigantesche.
Penso a quelle epocali, nel senso che hanno segnato un’epoca, come lo tsunami dell’oceano indiano del 2004 – talmente gigante da aver portato il termine tsunami da vezzo di nicchia meteogiappo a parola d’uso comune nelle lingue occidentali – con 230.000 morti in 9 stati, 2 continenti. Catastrofi che ci sono arrivate in casa con le immagini a bassa risoluzione dei cellulari o delle telecamere di sorveglianza, con le voci di stupore e paura di sottofondo. Immagini che sono entrate nella memoria collettiva. Alla pari con Armstrong che scende sulla luna, o con la bambina in fuga in Vietnam, o il ragazzo davanti carrarmato a Tienanmen. Dalla diretta NASA, al grande reporter, alle televisioni, all’ultima frontiera, il report frazionato dei cellulari.

E poi c’è stato il terremoto dell’Aquila del 2009, l’alluvione del Veneto del 2010. E il disastroso terremoto del Giappone del 2011, con l’allarme nucleare. E le tante accuse al governo di aver nascosto la vera proporzione del rischio atomico, e l’enorme battage sul nucleare sì/nucleare no che ne è conseguito. I tempi cambiano, ma la frase precedente, da punto a punto, si può tranquillamente mettere in un articolo che parla di Černobyl’ 1986… Ma perché diavolo non facciamo mai passi avanti? Sono passati 25 fottuti anni e siamo ancora al punto di partenza, non si riesce a prendere una decisione, una direzione, un obiettivo, per una grama volta?

Poi abbiamo il terremoto dell’Emilia, di pochi giorni fa, e la notizia che si evolve, muta ancora, e torna notizia, informazione, diffusa dal social network. L’informazione arriva prima, in tempo reale, e dà immediatamente la misura di quanto successo, tempo prima del vecchio web, e drammaticamente prima dei mezzi di informazione tradizionale. E soprattutto, arriva dalla voce di chi c’è in mezzo, non mediata e immediata. Su twitter, in pratica, sei dentro la catastrofe.

Concludo questo parallelo tra catastrofe e notizia parlandovi di un libro. Si tratta di una vecchia antologia di racconti fantascientifici, pubblicata negli Oscar Mondadori negli anni Ottanta, dal titolo, pensa un po’, di Catastrofi!
Curato dal buon vecchio Asimov, da Martin Greenberg e Charles Waugh (in italiano da G. Lippi), questo tomo ci presenta una serie di bei racconti in salsa fantascientifica sul tema della catastrofe, con un andamento top-down per quanto riguarda la scala (dalla distruzione dell’universo alla distruzione della civiltà come la conosciamo) e, curiosamente, un andamento bottom-up per quanto riguarda il pathos. È infatti davvero interessante notare come i primi racconti, pur interessanti e ben scritti, come L’ultima tromba dello stesso Asimov, o Stelle volete nascondermi di Ben Bova (nel primo abbiamo una sorta di giudizio universale, nel secondo siamo alla fine dei tempi a causa dell’entropia), pur in un’atmosfera di distruzione immensa, quasi infinita, risultino meno drammatici, per il lettore, di quelli che presentano scenari di portata minore. Qui le cui tematiche sembrano più vicine, i rischi si percepiscono probabilmente più reali, come ne La benedizione oscura di Walter Miller Jr., in cui una malattia mette a repentaglio la sopravvivenza dell’umanità (uno dei migliori racconti su questo tipo di scenario apocalittico, scenario che peraltro adoro… sullo stesso tema consiglio anche il romanzo La città poco tempo dopo, di Pat Murphy). In questo racconto tra l’altro si intreccia alla vicenda principale un’appassionante storia d’amore, e anche se state gonfiando i bicipiti dicendo «Haaa! Roba da donne!», niente come una storia d’amore rende ancora più drammatica una vicenda che già lo è. Ma l’antologia va avanti, e si arriva al classico Il magazzino dei mondi di Robert Sheckley, in cui in una civiltà ormai in rovina un negozio permette – in cambio di dieci anni di vita – di trascorrere un po’ di tempo nella terra che fu… ed ecco che davvero si sente la vera angoscia di un futuro non troppo impossibile, non troppo lontano.

Come mai ci sia questo rapporto inverso tra dimensione della catastrofe e angoscia generata, io non lo so. Anche se forse il proverbio etiope posto all’inizio del post ci può dare un’indicazione…

Riporto i due testi di fantascienza che consiglio:
Isaac Asimov, Martin Greenberg, Charles Waugh (a cura di), “Catastrofi!”
Pat Murphy, “La città poco tempo dopo”

Il proverbio etiope è tratto da Wikiquote, che cita come fonte AA.VV., “I Proverbi dell’Africa Nera”, Giovane Africa Edizioni

#10. Primati.

Quattro o cinque anni fa sono andato a Berlino. Allora era solo una città splendida, abitata da un sacco di gente giovane, soprattutto nella testa. Una città che non definirei multiculturale, ma berlinese, anche se abitata da gente proveniente da ogni dove. Una città sobria, certo, ma di quella sobrietà creativa, una sobrietà per scelta di linee estetiche pure ed essenziali, non la sobrietà data dalla mancanza di inventiva e dall’appiattimento mentale.

Berlino.

Berlino non era ancora percepita come la fredda e cinica, grigia e nera capitale tecno-burocratica dell’Europa delle banche. Era una città cui guardare per trovare scelte nuove, scelte originali, scelte impossibile. La città capace di unire – in modo armonico – in una chiesa imperiale devastata dalle bombe, lo stile antico e il moderno in vetro e ferro per la ricostruzione delle parti distrutte. La città che iniziava ad ottenere i primi grandi risultati nel campo dell’ecosostenibilità, con i suoi complessi residenziali energeticamente autosufficienti. Era la città dell’orsetto Knut, la mascotte del pianeta terra, se ci fosse un sistema solare in cui ogni pianeta ha una mascotte.

Knut nel frattempo è morto, e sembra che con lui sia morta la vivacità di Berlino. Sembra che il disincanto sia calato su una città, e un paese, che è tornato ad occuparsi di ferro e acciaio e carbone, e soprattutto soldi. E la città cui guardavamo in attesa delle impossibili riconciliazioni dei contrari, la città filosofale, è diventata quella che ci dice: «Non esistono soluzioni creative. Dovete sputare sangue (e merda, aggiungo io)».

Ma io mi sono innamorato dell’idea della Berlino che ho visto allora, e non dell’idea che, forte della sua pressione osmotica, sta passando le mie barriere celebrali e si sta a forza, nonostante la mia resistenza, installando nel mio sentire.
E così, in questi giorni, ho ripensato ai ricordi di quella città, alle ardite architetture del museo ebraico di Libeskind, all’insuperabile e sovrechiante fulgore della porta di Ishtar, conservata al Pergamon Museum, alla magnificenza dell’altare di Pergamo, alla sensazione indescrivibile di antico, di forza e di mito che sprigiona dalle mura di Uruk, alla gentile eleganza del busto di Nefertiti e alla fierezza di Pericle. Chissà se Pericle, Nefertiti, Enmerkar o Nebukadnezar, oggi, saprebbero fare meglio di frau Merkel e dell’eterogeneo miscuglio di ministri europei che sinceramente mi fanno una tremenda impressione.

Forse no, forse il mondo era estremamente più semplice allora. Eppure, secondo il mito sumerico, l’ingegnoso Enmerkar trovò una soluzione semplice e geniale, una soluzione creativa, a un problema di non inferiore complessità. Il sovrano di Uruk, alle prese con la diplomazia internazionale, prima di scendere in guerra con la civiltà di Aratta, instaurò un fitto dialogo tramite messaggeri. Ma arrivò ad un punto per il quale la complessità del messaggio e dei dettagli, nessun messaggero era in grado di ricordarlo e ripeterlo correttamente. La soluzione a noi sembrerà disarmante nella sua facilità, ma per il mondo dell’epoca non lo era, per niente: Enmerkar inventò la scrittura. Ora, è chiaro che si tratta di un mito, ma la mia sensazione è che se avessimo un Enmerkar all’apice delle gerarchie europee, ovvero qualcuno in grado di guardare il problema dall’altra parte, avremmo più possibilità d’uscita. E la soluzione sarebbe dura, forte, incisiva, come la scrittura cuneiforme.

La parola detta ha forma di chiodo, la sua struttura trafigge.
[“Enmerkar e il signore di Aratta”]

Ma dimentichiamo per un attimo la crisi, e, a fatica, dimentichiamo persino i sumeri, che paiono un leit motiv costante di questo blog, finora.Torniamo alla Berlino dei miei ricordi. E a Knut.
O meglio, a quella che per un po’ è stata casa sua, il gigantesco zoo di Berlino (e no, la droga non c’entra).
In questo superbo giardino zoologico (e giardino è una parola quanto mai azzeccata, visto che di gabbie se ne vedono davvero davvero poche) si possono incontrare animali che altrimenti vedreste solo in documentari. Il rinoceronte indiano. Il formichiere (da vedere: un cucciolo giocava con un inserviente dello zoo come fosse stato un cagnolino). La nutria (ok, quella è facile da vedere sulle sponde dei fossi della pianura eridanea).
Ma soprattutto, e qui finalmente diamo un senso a quel dannato titolo, scimmie, primati.

Da piccoletto non amavo le scimmie. Volevo un libro sulle malattie, e invece me ne regalarono uno sui primati, e fu un po’ una delusione.
Però lo zoo di Berlino ha dato un calcio in culo a quella miope prospettiva, e oggi vorrei sapere dove è finito quel libro.
Perché trovarmi faccia a faccia con Orango, Scimpanzé e Gorilla è stata per me un’esperienza traumatica: in definitiva sono troppo umani per vederli lì.
Vedendoli, guardandoli negli occhi, osservando i loro atteggiamenti, le loro mani (le loro mani! mani, non zampe), vedendo una scimmietta porgere la manina con un gesto tale e quale a un uomo che ti chiede l’elemosina, non ho avuto la sensazione di trovarmi di fronte a un animale in gabbia, ma a un umano detenuto ingiustamente, senza colpa.

Ho sentito un richiamo genetico, vedendo un giovane orango fare degli scherzi a un vecchio “uomo dei boschi”, e letteralmente tirandolo scemo, vedendo il vecchio bussare alla porta degli inservienti pregando per un aiuto contro i lazzi del giovani intemperante, vedendo un gorilla in mezzo a un prato su una stuoietta, assiso come un maestro yogi, indicare se stesso con mistico e misterioso gesto.

C’è qualcosa di tremendamente sbagliato nel cacciare questi nostri simili, e credetemi c’è gente che lo fa. E qualcosa mi disturba nel vederli in uno zoo, ma questo mi è più facile da accettare, se può servire a capire le loro dinamiche sociali, comprenderle, e forse comprendere qualcosa di più sulle nostre. E c’è qualcosa di assurdo nel non credere che siamo parenti, perché basta guardarli. E chissà quale effetto potremmo provare di fronte a un neanderthaliano, o un homo erectus, creature con le quali la condivisione del patrimonio genetico era tale e tanta che oggi, trovandoceli d’innanzi, ci troveremmo di fronte al problema di dover riscrivere le nostre convinzioni circa la natura umana. Un impaccio dal quale forse nemmeno Enmerkar potrebbe trarci.

Colgo l’occasione per invitarvi a visitare il Museo Paleantropologico del Po, di San Daniele Po (CR)
questo il suo indirizzo internet: http://www.museosandanielepo.com/
e il blog The missing link

Infine vi segnalo l’esistenza del Great Ape Project, che porta avanti una battaglia per il riconoscimento di diritti umani per le grandi scimmie (e che ha già portato a risultati in alcuni paesi come la Nuova Zelanda, o regioni dotate di una certa autonomia legislativa, come le Baleari), in particolare:
1) Diritto alla vita

2) Protezione della libertà individuale

3) Proibizione della tortura
http://www.greatapeproject.org/

Chiudo con una fonte di tutto rispetto, per quanto concerne il mito di Enmerkar e il signore di Aratta, cfr. uno dei miei libri di archeostoria preferiti:
G. Pettinato, “Sumeri”.
Non vedevo l’ora di ascrivere (del tutto indegnamente) il professore tra le mie fonti.

Navigazione articolo