Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Archivio per il tag “linguaggio”

Bestiario, I

Benvenuti nella nuova rubrica del Canneto di Eridu! Il Bestiario inaugura oggi, buona gente, e faravvi conoscere il magico mondo delle bestie. Bestie vere, animali, che siano intese come specie o come razze (di cani, di gatti, di dromedari…) o come singoli animali. Singoli animali esistenti, che ho incontrato nella mia vita. Singoli animali storici, reali. O inventati, o mitologici. Bestie del mito, figlie della metafora, bestie viventi, bestie estinte. Insomma, tutto quello che mi pare. Partiamo, intanto, poi vedremo di aggiustare il tiro.

Prima pagina del Bestiario del Canneto di Eridu.
L’Orca Marina

Cosa c’è al mondo di più bello di un cetaceo? A parte la bottiglietta di vetro della Coca-Cola, intendo.
Davvero adoro i cetacei. Sono animali splendidi e misteriosi. Intanto perché sono obiettivamente frutto di un design straordinario, e al contempo di un’efficienza fuori dal comune: tra tutti i mammiferi sono quelli il cui adattamento all’ambiente li ha spinti ad una forma veramente lontana da quella di tutti gli altri membri della classe. Poi perché hanno compiuto il viaggio a ritroso: la vita nasce dagli oceani e in seguito si spinge sulla terra, nel loro caso ha poi finito per risentire del richiamo inverso ed è tornata a casa. Infine perché sono dotati di alcune caratteristiche che li rendono particolarmente – ed inquietantemente – simili a noi, e mi riferisco alle facoltà intellettive, al gioco, al canto, al linguaggio (decisamente più evoluto di quello di quasi tutte le altre specie animali, diciamo che megattere e umani se la giocano, e inoltre suddiviso in dialetti a seconda delle tribù).

Tra i cetacei, uno dei miei preferiti è sempre stata l’orca marina. No, non per Free Willy, per favore. Ma per il fatto di essere un carnivoro stretto, di dominare i mari. E per l’estetica: sembra un panda-balena…
Ho visto una volta un documentario che da un lato mi ha impressionato, e dall’altro mi ha ancora di più avvicinato all’orca. C’era una foca su una lastra di ghiaccio alla deriva. Una famiglia di orche si è avvicinata e ha adottato una notevolissima tecnica di caccia: le orche adulte si sono avvicinate velocemente alla lastra e hanno dato un colpo al pelo d’acqua, creando un’onda che ha fatto cadere in mare la foca. Già arrivato a quel punto ero impressionato, quando poi ho visto un’orca spingere la foca sulla lastra di ghiaccio, e poi ritornare in formazione, sono rimasto agghiacciato: la prima manovra serviva solo per far vedere ai cuccioli la tecnica di caccia. Al secondo tentativo, infatti, hanno partecipato anche i cuccioli.

Mi piacerebbe sapere se le orche in cattività sono intellettualmente stimolate dall’interazione con l’uomo, similmente a quanto accade per esempio ai cani, oppure se per loro sono fastidiosi giochetti scemi e restano menomate intellettualmente dall’esperienza. Come un uomo tenuto in gabbia, tipo nel pianeta delle scimmie. Voi che ne dite?

#36. Agosto.

“Luke, scoprirai che molte delle verità che affermiamo, talvolta,
dipendono dal nostro punto di vista.”
Obi-Wan Kenobi, in “Guerre Stellari. Episodio V: L’impero colpisce ancora”

Sono nato in agosto, trentasei (anzi, #36.) anni fa tra due giorni. E mi è sempre piaciuto il mio compleanno. E no, non provo mestizia e tristezza e magone all’approssimarsi di un giorno in cui qualcuno mi dedica un pensiero o mi fa un regalo, e francamente fatico molto a capire perché dovrebbe. Già, perché? Eppure vi garantisco che per alcuni è così.

Si avvicina il loro compleanno e… kablam! si tuffano nella mestizia come uno stronzo si tuffa nell’acqua del cesso, cioè così, ci cadono, ci si lasciano cadere, senza nemmeno l’enfasi del gesto teatrale.
Alcuni per la terribile e atterrente consapevolezza dell’invecchiamento. Eppure si invecchia ogni istante. Alcuni invece approfittano del compleanno per fare tristi bilanci di periodicità annuale di tutto quanto non gli funziona, quando lo si potrebbe fare in qualsiasi altro periodo dell’anno tranne questo giorno, questo giorno in cui, per tradizione, per convenzione, gli si dedica un pensiero. E non vedo perché dovremmo pisciare sulla “convenzione”, dacché è una convenzione anche il linguaggio, e se disprezzassi la convenzione disprezzerei il linguaggio, e potrei quindi evitare di star qui a farmi sto blog di minchia.

Semmai, semmai, è quando il compleanno finisce che un po’ di mestizia inizia a illanguidire il mio spirito (vedi #16. Festa.).

Quindi, in definitiva, mi piace il mio compleanno, e tra pochissimi giorni lo sarà. E il mio compleanno è in agosto, e forse proprio per questo agosto mi è sempre piaciuto.

E fin da piccolo, con agosto, mi sono sempre piaciute tutte quelle cose ad agosto legate. Ad esempio le vacanze, e il mare. Il mare mi piace, sì (vedi #15. Prospettiva.).

Ma anche il numero 8, quello del mese sul datario. Quando a nove/dieci anni debuttai nel mondo del calcio (mondo che poi lasciai pochi anni dopo), lo feci con una bella maglietta lanosa, come si usava ancora, granata, con un bell’otto giallo sulla schiena.

E dopo la mia nascita, visto che ero del segno del leone, mia mamma comprò un leoncino di gomma, che fu anche il primo gioco, e che compare nel quadro che dipinse a festeggiare la mia nascita, e quindi anche il leone mi piace.

E mi piace il sole, e il caldo, e mi piacciono i colori del sole e del caldo. Mi piace da sempre l’arancione, che era il colore di agosto e del numero otto nei posterini in classe alle elementari (e la tigre che, arancione e nera, da piccolo era il mio animale preferito) e mi piace il giallo, che è il colore che scelgo sempre quando partecipo a qualche gioco in cui devi scegliere il colore delle pedine da utilizzare.

E il giallo è proprio un bel colore. Che poi, sarà anche vero che il colore più bello, il colore più forte, più violento e più leggibile sono tutti funzione del colore di sfondo, ma su sfondo nero (che è uno dei due più comuni) il giallo spacca di bestia.

E il giallo, l’arancione, il mare, il sole, il caldo, le vacanze, il gelato, il leone e la tigre, le sere calde in cui si esce tutti, gli amici, il compleanno, la festa e la gente che si ricorda di me, sono tutte cose fiche.

Agosto è come i girasoli, il mare, la pizza. Come il Natale.
Se li odi è colpa tua, non loro.

Navigazione articolo