Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Archivio per il tag “neanderthal”

Almanacco, LXII

Sessantaduesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
4 febbraio 2013

Il 4 febbraio del 1857 venne annunciato uno dei ritrovamenti più importanti di tutti i tempi. Nell’agosto precedente, infatti, in Germania, in una grotta, vennero ritrovati da Johann Fulrhott i resti di un ominide speciale. L’uomo di Neandertal. Il fatto che il luogo del rinvenimento dei fossili sia una valle, quella di Neander, il cui nome è la traduzione in greco del cognome Neumann, che in italiano suonerebbe “uomo nuovo”, è una di quelle coincidenze che a volte rendono la storia così facilmente mutabile in mito.

L’homo neanderthalensis entrava nel nostro immaginario collettivo come una specie di bruto dall’aspetto primitivo, mentre probabilmente era a stento distinguibile dal nostro più fortunato antenato diretto, l’homo sapiens. Il fatto poi che nel nostro Dna ci sia tra l’1 e il 4% di geni di derivazione neandertaliana (a differenza, per esempio, degli africani) dovrebbe suggerirci di abbassare la cresta nei confronti dei neandertaliani.

L’uomo di Cro-Magnon, il nostro antenato, coabitò il pianeta coi neandertaliani per 60.000 anni, prima che questi ultimi si estinguessero, circa 30.000/22.000 anni fa, lasciandoci soli.
Possiamo vederli come gli elfi che se ne vanno… e lasciano agli uomini la responsabilità di governare il mondo.

Bella cazzata, hanno fatto.

Come sarebbe, il pianeta, con due specie intelligenti?

Annunci

#42. Incroci.

“Mogli e buoi dei paesi tuoi”
[Detto italiano]

Ricordo che un amico tempo fa (e con tempo fa intendo qualcosa tipo quindici anni) sosteneva implicitamente la colossale e solenne minchionitudine del suddetto detto, dato che a suo dire tutte le donne più belle del mondo provengono da cocktail genetici particolarmente audaci. Per esempio, citava Cameron Diaz (che vanta nelle proprie linee parentali cubani, tedeschi, inglesi, olandesi e cherokee), Piper Perabo (di padre portoghese e madre norvegese), Naomi Campbell (di madre giamaicana, e pare abbia progenitori cinesi) e così via. Ora, senza tirare in ballo i buoi ma mantenendoci alle mogli, potremmo anche considerare il fatto che l’uscita da gruppi geneticamente omogenei possa garantire una variabilità maggiore, e quindi fenotipi più peculiari e distinguibili, e quindi da un certo punto di vista quell’amico aveva le sue ragioni.

Ora, di preciso non so come mai mi sia tornato in mente, ma ripensando a quello ed esasperando un po’ il concetto, mi è tornato in mente anche un romanzo letto tempo fa (Ayla figlia della terra, di Jean M. Auel, primo libro di una saga in cui la cosa migliore è il primo libro…) ambientato all’epoca della diffusione dell’uomo di Cro-Magnon in Europa, mentre i neanderthaliani declinano. In questo romanzo si avanza l’ipotesi di una possibile ibridazione Cro-Magnon x Neanderthal. Tra l’altro mi ha confermato un esperto che questa ibridazione è qualcosa di più che una semplice possibilità, e che la “pistola fumante” (nella forma di fossili di struttura ibrida) è già stata rinvenuta.

Doveva essere davvero uno strano mondo, quello. Oggi te ne vai in giro per il pianeta, e anche se certe persone sembrano alieni per il modo di ragionare, e altre sembrano bestie per il modo di comportarsi, comunque incontriamo sempre e solo esponenti della nostra stessa specie (sì, ci sono gli animali, ma il rapporto con loro si basa comunque su principi e modi di comunicazione del tutto diversi). In quel tempo, invece, potevi andartene in giro e trovare un’altra specie intelligente (o per lo meno intelligente in modo simile a noi), così simile da poterla riconoscere come affine, al punto da provare istinti sessuali (non mi spingo fino all’amorosi perché non abbiamo evidenze del fatto) interspecie.
Una roba alla D&D, dove potresti avere una fidanzata elfa, o alla Star Trek, con una vulcaniana. No, con una wookie mai, davvero, per favore.

Ma passando di italiano in norvegese, di americano in neanderthaliano, di cromagnon in elfo o in vulcaniano, superati i limiti della quotidianità, della preistoria, della fantascienza e della fantasia, riesco ormai a intravvedere i contorni del mito, dove l’ibridazione era un tantino più spinta. Donna con toro (Pasifae, che partorisce il minotauro). Donna con cigno (Leda, che depone due uova dalle quali nascono Castore & Polluce e Elena & Clitennestra). Donna con pioggerella dorata (non ridete! mi riferisco a Danae, che partorì poi Perseo). E poi creature ibride per natura, come la chimera e il centauro, il satiro e la sirena (che originariamente era mezza donna e mezzo uccello, solo poi è diventata mezzo pesce). E possiamo parlare anche dei nephilim, i figli giganti e mostruosi generati nelle più belle figlie degli uomini da Azazel e compagni, che dovevano essere i guardiani dell’umanità (angeli secondo Tertulliano e altri commentatori cristiani, divinità pagane pregiudaiche per altri studiosi, comunque è un passo presente in Genesi e nel libro di Enoch che crea non pochi grattacapi ai teologi).

L’ibrido, dunque, ha sempre affascinato l’umanità.

Al punto che dalla notte dei tempi (che splendido sintagma, così evocativo) ha sempre cercato di plasmare animali e piante intorno a sé attraverso tecniche di ibridazione e selezione.
Ad esempio, due animali addomesticati in tempi remoti sono l’asino e il cavallo. Cercando un animale in grado di portare in dote sia la forza del cavallo che la resistenza dell’asino, ecco che vennero incrociate le due specie (o magari inizialmente avvenne per caso).
Incrociando cavalli e asini, si ottengono muli e bardotti. Sapete qual è la differenza tra i due? Ricordo che una volta nella mia compagnia nacque questa discussione (a volte si parla proprio di qualsiasi cosa) e alla fine le due teorie sembravano dotate entrambe di una certa logica, e partivano entrambe da un punto fermo: il mulo è decisamente più comune e famoso del bardotto. Secondo alcuni doveva quindi il mulo essere figlio d’asina e di cavallo, dacché chi ha una cavalla accetterebbe malvolentieri di farla coprire da un asino, animale considerato di minor pregio, e quindi di sminuirla. Secondo altri invece il mulo doveva essere figlio d’asino e cavalla, dacché è più facile per una cavalla (che è di dimensioni maggiori) partorire il figlio di un asino, che non per un’asina partorire il puledro di un cavallo, probabilmente troppo grosso per lei. Non è ben chiaro comunque il motivo, ma la risposta giusta è la seconda: asino maschio e cavalla femmina. E il mulo assomiglia di più all’asino, il bardotto al cavallo.

Nel frattempo, ho scoperto che non solo esiste (ormai solo in zoo, dacché in natura gli areali dei genitori ormai hanno intersezione nulla) il tigone, incrocio tra tigre maschio e leonessa, ma anche il ligre, più comune incrocio tra un leone maschio e una tigre femmina. Il suo aspetto è quello di un grosso leone con diffuse striature da tigre. A differenza dei leoni e come alle tigri, alla ligre piace molto nuotare.
Una curiosità: leone femmina e tigre maschio trasmettono entrambi al tigone il gene inibitore della crescita, quindi esso risulta molto più piccolo dei genitori, al contrario tigre femmina e leone maschio non lo trasmettono al ligre, che quindi cresce per tutta la vita, diventando decisamente più grosso sia del leone che della tigre, rendendolo il più grande felino presente sul pianeta terra.
Tutti i ligre maschi conosciuti sono sterili, mentre le femmine sono fertili e si possono accoppiare con tigri, dando vita al ti-ligre, o con leoni, dando vita al leo-ligre. Idem per le femmine di tigone, e via di li-tigone e ti-tigone. Bel casino.

Sembra frequente in natura questa cosa dei maschi sterili e delle femmine fertili, visto che anche nel caso dello dzo, ibrido che nasce dall’incrocio tra un toro ed una femmina di yak, le femmine sono feconde e lattifere, mentre il maschio è sterile. E chissà se era così anche per gli ibridi neanderthaliano-cro-magnon.

Ci sono poi curiosi casi in natura, un tempo reputati incroci e poi, più sensatamente, ricondotti allo status di specie. Uno di questi è l’okapi, un tempo ritenuto dagli studiosi un incrocio tra la zebra e la giraffa (cosa del tutto impossibile), o perlomeno l’anello di congiunzione tra i giraffidi e gli equidi. Ma esami del DNA hanno cancellato ogni dubbio, portando gli scienziati a dichiarare l’okapi come specie a se stante. E molto affine alla giraffa, a dispetto delle striature zebrate. Peraltro il nome scientifico della giraffa, Giraffa camelopardalis, sembra alludere a una miscela di leopardo e cammello…

A proposito di anelli di congiunzione: il panda gigante, il cui nome in cinese significa orso-gatto, non ha ovviamente niente a che fare con il gatto, ma è un urside a tutti gli effetti. La cosa curiosa è che alcuni scienziati non lo classificano urside, ma membro di una singola famiglia (gli ailuridi) costituita dallo stesso e dal panda rosso, che naturalmente non gli somiglia per niente, e che (e qui la curiosità) è detto anche firefox. Stando a wikipedia, Mozilla Firefox prenderebbe il nome dal panda rosso… cosa succederebbe incrociando una Panda con un browser? Si navigherà lentamente ma senza impiantarsi mai per decenni, anche in montagna?

Cito poi il caso del quagga, curiosa sottospecie di zebra che si è estinta nel 1883, prima di stabilire con certezza se fosse una specie a se stante, una semplice sottospecie o un incrocio tra zebra e qualcosaltro (generalmente definiti zebroidi).
Studi successivi hanno finito per identificarla con una sottospecie della zebra di pianura. È in atto è un programma per “ricrearla” geneticamente attraverso incroci di questo animale, con il quale, grazie alla prole fertile, si incrociava già in natura a suo tempo senza problemi, alimentando a sua volta la confusione.

“Se senti rumore di zoccoli pensi a un cavallo, non a una zebra”
[da “Dr. House MD”]

Ok, ok. Questo per considerare che se mi soffio il naso è più probabile che abbia un raffreddore che una rara malattia tahitiana che combinata con una poco comune alterazione del sangue dell’artico causa perdita di muco dal naso. Bene. Ma, un momento, sentite questo rumore di zoccoli? Cosa sarà?
Forse non è un cavallo, forse nemmeno una zebra… potrebbe essere…
1) uno zorse o zebramulo (zebra x cavalla);
2) uno zony (zebra x pony);
3) uno zetland (zebra x pony shetland);
4) uno zebrass (zebra x onagro);
5) uno zebrasino (zebra x asino).
Bel casino, eh? Che sarà?

Se poi fosse l’onagro, invece, fate attenzione. Potrebbe essere solo il primo di una imponente invasione di carri da guerra sumerici. Sì, erano trainati da onagri. Quanto tempo che su questo blog non si parlava più di sumeri. Troppo, davvero troppo.

Spostiamoci ora nella botanica. Sapete che si è stabilito geneticamente che tutti gli agrumi sono stati originati semplicemente da tre specie originali (cedro, mandarino e pomelo, che sarebbe poi quello strano pompelmone che a volte sotto Natale c’è al supermercato, e che molti guardano con disprezzo pensando a chissà quale diavolo di industria genetica l’abbia creato…). Tutti gli altri agrumi non sono altro che ibridi e incroci che nel corso dei secoli, grazie alla facile ripetibilità, hanno dato origine a specie vere e proprie.

Tra gli ibridi, quindi, figurano tutti gli agrumi oggi più largamente consumati (l’arancia forse derivante da pomelo e mandarino, il limone derivante da cedro e pomelo)… a loro volta, poi ibridati fra loro:
basti pensare che ibridando arancia e mandarino si è ottenuta poi la clementina, mischiando arancio dolce e pomelo s’è fatto il pompelmo, che re-imbastardito con l’arancio ha prodotto il pompelmo rosa e mischiato con il mandarino ha dato origine al mapo, da limone e cedro si è giunti alla limetta, meglio nota come lime. A sua volta il lime, incrociato con il cedro, ha dato origine a una curiosa specie nota come combava, che sembra un lime bitorzoluto,
Pochi sanno, però, che il chinotto è anch’egli un agrume, derivato probabilmente dall’arancio amaro (un altro agrume ancora) che, a sua volta, incrociato col cedro ha dato origine al bergamotto (entrambi sono molto usati in profumeria). E non ho neanche iniziato a parlare poi degli ibridi con il kumquat, o fortunella, o mandarino cinese…

L’uomo in questo caso mi dà l’idea di un pittore che con tre colori sta realizzando infiniti quadri…
Mi dà un’idea meno romantica quando bombarda il grano di radiazioni per vedere cosa ne esce, e crea e commercializza il grano duro Creso senza sapere bene cosa è stato modificato con quei bombardamenti, ecco…

Per il controverso argomento dei nephilim, vi rimando a Genesi 6:4 e al libro di Enoch. Troverete poi da soli dozzine e dozzine di testi para-occultistico-cazzoni in grado di delucidarvi sul fatto che la loro presenza nelle sacre scritture sia praticamente la prova scientifica dell’esistenza dei giganti, della caduta degli angeli, degli alieni, della magia e di un sacco d’altre cazzate.

#10. Primati.

Quattro o cinque anni fa sono andato a Berlino. Allora era solo una città splendida, abitata da un sacco di gente giovane, soprattutto nella testa. Una città che non definirei multiculturale, ma berlinese, anche se abitata da gente proveniente da ogni dove. Una città sobria, certo, ma di quella sobrietà creativa, una sobrietà per scelta di linee estetiche pure ed essenziali, non la sobrietà data dalla mancanza di inventiva e dall’appiattimento mentale.

Berlino.

Berlino non era ancora percepita come la fredda e cinica, grigia e nera capitale tecno-burocratica dell’Europa delle banche. Era una città cui guardare per trovare scelte nuove, scelte originali, scelte impossibile. La città capace di unire – in modo armonico – in una chiesa imperiale devastata dalle bombe, lo stile antico e il moderno in vetro e ferro per la ricostruzione delle parti distrutte. La città che iniziava ad ottenere i primi grandi risultati nel campo dell’ecosostenibilità, con i suoi complessi residenziali energeticamente autosufficienti. Era la città dell’orsetto Knut, la mascotte del pianeta terra, se ci fosse un sistema solare in cui ogni pianeta ha una mascotte.

Knut nel frattempo è morto, e sembra che con lui sia morta la vivacità di Berlino. Sembra che il disincanto sia calato su una città, e un paese, che è tornato ad occuparsi di ferro e acciaio e carbone, e soprattutto soldi. E la città cui guardavamo in attesa delle impossibili riconciliazioni dei contrari, la città filosofale, è diventata quella che ci dice: «Non esistono soluzioni creative. Dovete sputare sangue (e merda, aggiungo io)».

Ma io mi sono innamorato dell’idea della Berlino che ho visto allora, e non dell’idea che, forte della sua pressione osmotica, sta passando le mie barriere celebrali e si sta a forza, nonostante la mia resistenza, installando nel mio sentire.
E così, in questi giorni, ho ripensato ai ricordi di quella città, alle ardite architetture del museo ebraico di Libeskind, all’insuperabile e sovrechiante fulgore della porta di Ishtar, conservata al Pergamon Museum, alla magnificenza dell’altare di Pergamo, alla sensazione indescrivibile di antico, di forza e di mito che sprigiona dalle mura di Uruk, alla gentile eleganza del busto di Nefertiti e alla fierezza di Pericle. Chissà se Pericle, Nefertiti, Enmerkar o Nebukadnezar, oggi, saprebbero fare meglio di frau Merkel e dell’eterogeneo miscuglio di ministri europei che sinceramente mi fanno una tremenda impressione.

Forse no, forse il mondo era estremamente più semplice allora. Eppure, secondo il mito sumerico, l’ingegnoso Enmerkar trovò una soluzione semplice e geniale, una soluzione creativa, a un problema di non inferiore complessità. Il sovrano di Uruk, alle prese con la diplomazia internazionale, prima di scendere in guerra con la civiltà di Aratta, instaurò un fitto dialogo tramite messaggeri. Ma arrivò ad un punto per il quale la complessità del messaggio e dei dettagli, nessun messaggero era in grado di ricordarlo e ripeterlo correttamente. La soluzione a noi sembrerà disarmante nella sua facilità, ma per il mondo dell’epoca non lo era, per niente: Enmerkar inventò la scrittura. Ora, è chiaro che si tratta di un mito, ma la mia sensazione è che se avessimo un Enmerkar all’apice delle gerarchie europee, ovvero qualcuno in grado di guardare il problema dall’altra parte, avremmo più possibilità d’uscita. E la soluzione sarebbe dura, forte, incisiva, come la scrittura cuneiforme.

La parola detta ha forma di chiodo, la sua struttura trafigge.
[“Enmerkar e il signore di Aratta”]

Ma dimentichiamo per un attimo la crisi, e, a fatica, dimentichiamo persino i sumeri, che paiono un leit motiv costante di questo blog, finora.Torniamo alla Berlino dei miei ricordi. E a Knut.
O meglio, a quella che per un po’ è stata casa sua, il gigantesco zoo di Berlino (e no, la droga non c’entra).
In questo superbo giardino zoologico (e giardino è una parola quanto mai azzeccata, visto che di gabbie se ne vedono davvero davvero poche) si possono incontrare animali che altrimenti vedreste solo in documentari. Il rinoceronte indiano. Il formichiere (da vedere: un cucciolo giocava con un inserviente dello zoo come fosse stato un cagnolino). La nutria (ok, quella è facile da vedere sulle sponde dei fossi della pianura eridanea).
Ma soprattutto, e qui finalmente diamo un senso a quel dannato titolo, scimmie, primati.

Da piccoletto non amavo le scimmie. Volevo un libro sulle malattie, e invece me ne regalarono uno sui primati, e fu un po’ una delusione.
Però lo zoo di Berlino ha dato un calcio in culo a quella miope prospettiva, e oggi vorrei sapere dove è finito quel libro.
Perché trovarmi faccia a faccia con Orango, Scimpanzé e Gorilla è stata per me un’esperienza traumatica: in definitiva sono troppo umani per vederli lì.
Vedendoli, guardandoli negli occhi, osservando i loro atteggiamenti, le loro mani (le loro mani! mani, non zampe), vedendo una scimmietta porgere la manina con un gesto tale e quale a un uomo che ti chiede l’elemosina, non ho avuto la sensazione di trovarmi di fronte a un animale in gabbia, ma a un umano detenuto ingiustamente, senza colpa.

Ho sentito un richiamo genetico, vedendo un giovane orango fare degli scherzi a un vecchio “uomo dei boschi”, e letteralmente tirandolo scemo, vedendo il vecchio bussare alla porta degli inservienti pregando per un aiuto contro i lazzi del giovani intemperante, vedendo un gorilla in mezzo a un prato su una stuoietta, assiso come un maestro yogi, indicare se stesso con mistico e misterioso gesto.

C’è qualcosa di tremendamente sbagliato nel cacciare questi nostri simili, e credetemi c’è gente che lo fa. E qualcosa mi disturba nel vederli in uno zoo, ma questo mi è più facile da accettare, se può servire a capire le loro dinamiche sociali, comprenderle, e forse comprendere qualcosa di più sulle nostre. E c’è qualcosa di assurdo nel non credere che siamo parenti, perché basta guardarli. E chissà quale effetto potremmo provare di fronte a un neanderthaliano, o un homo erectus, creature con le quali la condivisione del patrimonio genetico era tale e tanta che oggi, trovandoceli d’innanzi, ci troveremmo di fronte al problema di dover riscrivere le nostre convinzioni circa la natura umana. Un impaccio dal quale forse nemmeno Enmerkar potrebbe trarci.

Colgo l’occasione per invitarvi a visitare il Museo Paleantropologico del Po, di San Daniele Po (CR)
questo il suo indirizzo internet: http://www.museosandanielepo.com/
e il blog The missing link

Infine vi segnalo l’esistenza del Great Ape Project, che porta avanti una battaglia per il riconoscimento di diritti umani per le grandi scimmie (e che ha già portato a risultati in alcuni paesi come la Nuova Zelanda, o regioni dotate di una certa autonomia legislativa, come le Baleari), in particolare:
1) Diritto alla vita

2) Protezione della libertà individuale

3) Proibizione della tortura
http://www.greatapeproject.org/

Chiudo con una fonte di tutto rispetto, per quanto concerne il mito di Enmerkar e il signore di Aratta, cfr. uno dei miei libri di archeostoria preferiti:
G. Pettinato, “Sumeri”.
Non vedevo l’ora di ascrivere (del tutto indegnamente) il professore tra le mie fonti.

Navigazione articolo