Il canneto di Eridu

Un blog per tutti e per nessuno

Archivio per il tag “Portogallo”

Almanacco, LXXXV

Ottantacinquesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
3 maggio 2013

Il 3 maggio del 1998 Helmut Kohl e Jacques Chirac firmano l’accordo sulla nomina del presidente della BCE. Quattro anni più tardi, il 3 maggio del 2002, l’euro diventa la moneta ufficiale di quella che verrà ribattezzata “Eurolandia”, o “Eurozona”. I paesi aderenti alla valuta unica in quel momento sono: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Grecia (aderente dal 2001). In seguito entrano Slovenia, Cipro e Malta.
Lo so, lo so che l’euro adesso non va di moda, che la politica gode nel trovare un capro espiatorio (che non sia la politica stessa) e ci ha indicato la moneta unica come unico responsabile. Ma non voglio rinunciare all’idea di un’unica unità di conto monetaria per tutta l’Europa. E quindi una qualche soluzione bisognerà trovarla. Nel frattempo, auguri, cari auguri, euro. E in culo a quella stronza della lira che sta gufando nell’ombra.

Annunci

Almanacco, LXXXI

Ottantunesima pagina dell’Almanacco del Canneto di Eridu
22 aprile 2013

Il balzo indietro di oggi è abbastanza ampio. Con un fortissimo calcio in culo temporale vi rispedisco tutti al 1529, quando, con il Trattato di Saragozza, la Spagna e il Portogallo perfezionarono la suddivisione del pianeta nelle loro due zone di influenza, create nel 1494 con il Trattato di Tordesillas e ridefinite per determinare a chi spettasse commerciare nelle Molucche. Non era la prima volta che due potenze si dividevano artificiosamente il mondo conosciuto: lo fecero Egizi e Hittiti con il trattato di Qadeš, nel 1274 a.C., a seguito della nota battaglia. E non sarà l’ultima: pur senza una regolamentazione ben precisa USA e URSS si divisero il globo in aree di influenza (esiste un gioco in scatola che simula il periodo della guerra fredda, Twilight Struggle, tra l’altro tradotto e prodotto in italiano da Asterion, casa editrice eccellente di Correggio).

Detto questo, devo dire che la suddivisione del mondo tra Spagna e Portogallo la trovo particolarmente evocativa. Intanto perché si situa in uno dei periodi storici che meno mi piace e che per questo meno conosco, e per di più con degli stupidi collari. E poi perché mi porta profumo di spezie, e polvere da sparo, e mare, e la morbidezza della seta, e il tintinnìo delle monete d’argento.
E la domanda di oggi verte su questo: vi piace il Cinquecento? È un periodo storico che vi affascina? Perché?

Navigazione articolo